TU SEI QUI: HOME -> DANZATRICI E DANZATORI DEL VENTRE -> SAMIA GAMAL

Samia Gamal

Samia Gamal, il cui vero nome era Zaynab Ibrahim Mahfuz, nacque a Wana, nel 1924.

In tenera età si trasferisce al Cairo, nelle vicinanze del famoso Bazar Khan el-Khalili.

A soli 8 anni rimane orfana di  madre, e a 14 abbandona la casa paterna per  trasferirsi dalla sorella maggiore.

La famosa Badia Masabni la ingaggia per esibirsi nel suo locale, e le dà il nome d'arte con cui diventerà famosa: Samia Gamal. Inizia a studiare danza con Badia stessa, e con un maestro di danza classica e moderna, condividendo gli allenamenti ed il palcoscenico con l'altra grande star di quel momento, Tahiya Karyoka, collega di palcoscenico al Cabaret di Madame Badia. Il training le permette in breve di sistematizzare le sue capacità coreutiche innate. L'attaccamento al locale di Badia e la riconoscena di Samia verso la sua mentrice fecero si' che Samia non si esibisse in altri locali in Egitto, soltanto al Cabaret di Badia Masabni e inimportanti feste private.

Si racconta che alla sua prima esibizione in pubblico Samia fosse tanto nervosa da dimenticare la coreografia. Il pubblico incomincia a fischiarla e lei abbandona il palco. Il coreografo la costringe a ritornare in scena e lei si toglie le scarpe ed incomincia a danzare improvvisando, riscuotendo a questo punto grande successo. Da notare che le danzatrici dei Cabaret ballavano sempre con le scarpe (di fattura occidentale) per ribadire di... avere il denaro sufficiente per potersele permettere, e danzare a piedi nudi era considerato poco elegante. Samia però piacque tanto che il pubblico stesso la soprannominò "la danzatrice dai piedi scalzi". Badiaa la ingaggia come solista una volta alla settimana ed è l'inizio di una grande carriera.

In breve divenne una stimata solista.

La sua personalità sul palco era molto frizzante ed energetica, un inno alla gioia di vivere e alla leggerezza.

Persino, a dispetto della sua prima apparizione pubblica, Samia introdusse l'uso di scarpe con il tacco alto per ballare. Il suo stile ispirò una enorme quantità di danzatrici, portando la danza orientale persino ad Hollywood e da lì nelle scuole di danza d'Europa. 

Un incontro fondamentale nella vita artistica e personale di Samia fu quello con il cantante e musicista Farid el Atrache che suona l'Oud nell'orchestra dello stesso locale. E' un travagliato colpo di fulmine. Farid era un musicista di successo, ma era enormemente addolorato per la perdita della sorella, la cantante Asmahan, morta in un incidente in circostanze piuttosto misteriose. Colmare il vuoto lasciato in lui dalla perdita della sorella era impossibile, ma Farid trovò conforto nella relazione, mai sfociata in matrimonio, con Samia Gamal. Si dice che lui non volesse o non potesse sposarsi con lei poiché egli proveniva da una famiglia drusa libanese e per tradizione avrebbe potuto sposare soltanto una donna drusa, e non certamente una danzatrice! Ma la relazione proseguì e Samia lo motivò a buttarsi a capofitto nel cinema. Nel 1947 la coppia si esibisce in "Habib el Omr" (L'amore della mia vita), il primo di una lista di 5 film di enorme successo. Si possono paragonare alla coppia Hollywoodiana Fred Astaire e Ginger Rogers!

E' del 1949 "Afritah Hanem" (La principessa diavoletto), una delle sue interpretazioni più famose, accanto alla bambina prodigio della danza egiziana dell'epoca, Fairouz Arteen Kalevan, soprannominata, proprio in onore del film, Feirouz Hanem.

Nel 1949 il re Faruk proclama Samia la danzatrice rappresentante nazionale dell'Egitto.

Dopo 5 film la coppia si divise, e Samia, perseguitata dalla stampa, si trasferì all'estero, nel 1950, dove comunque continua ad avere successo come artista. Si esibisce a New York, nel famoso nightclub The Latin Quarter ed in tutta Europa, portando per la prima volta la danza orientale all'estero in forma professionalemente valida. Gira vari film fra cui "Ali Baba ed i quaranta ladroni" con Fernandel e "La vallata dei re" con Robert Taylor.

Samia sposa il ricchissimo texano Sheppard King III, che per lei si converte alla religione islamicae la convince a trasferirsi in America. Grazie a questo, Samia entra a pieno diritto nel jet set americano, ma il matrimonio non dura a lungo.

L'esperienza americana segna la sua visione della danza, che diviene più teatrale, e Samia gettò le basi della forma di danza orientale che conosciamo oggi, e che infatti utilizza forme e dinamiche prese evidentemente dal balletto classico.  

Dopo il divorzio, Samia ritorna al Cairo, dove riprende a lavorare con Farid el Atrache.

Nel 1958 sposa l'attore egiziano Rushdi Abaza, con cui interpreta parecchi film. Rushdi era stato il marito di Tahiya Karyoka. Da quest'unione, che durerà diciassette anni, nasce una figlia, Quismet. Nel 1972 si ritira dalle scene, per ritornare ad esibirsi nei primi anni '80, ritorna alle scene per un anno o due con Samir Sabri.

Fino alla sua morte, sopraggiunta nel 1994, fece una vita molto ritirata, rifiutando tutti gli inviti ad insegnare all'estero: si sente artista ed interprete, non maestra. La sua eredità al mondo dell'arte sono gli 84 film di cui è protagonista.

Samia Gamal è stata la prima danzatrice con una preparazione coreutica completa, e con una visione teatrale della coreografia. Ha contribuito in maniera determinante alla formazione di ciò che la danza orientale è oggi, elevandola a livello professionale e migliorandone l'immagine sociale. Le danzatrici a seguire ne copiarono lo stile, e pare ormai una cosa normale che nella dnza orientale ci siano arabesques e giri rapidi, come nel balletto classico, ma prima che questa pioniera li sperimentasse nella sua danza nessuno li aveva mai introdotti! 

Samia creò uno stile molto personale, incorporando la tecnica della danza classica e soprattutto, cosa molto particolare, di danza latino americana, nella danza orientale, tratto molto caratteristico suo. Grtazie al suo training fisico molto completo, Samia aveva una capacità di controllo e di definizione perfetta sui suoi movimenti, mantenenendo grazie ed eleganza anhce durante i momenti di maggiore focosità. Tipico del suo stile è l'uso molto particolare dei movimenti delle braccia, intricati ed eleganti, e l'introduzione del velo nella danza. Si narra che la sua insegnante di balletto le diede un pezzo di stoffa da tenere in mano durante la danza per farle imparare ad usare le braccia in modo più fluido e Samia trovò la cosa tanto interessante che decise di incorporarla nelle sue performances. Samia usava il velo con una grazia incredibile, ed è un esempio di bellezza nell'uso di questo accessorio. La cosa piacque molto al pubblico, e perciò Samia continuò ad utilizzarlo. Il velo le dava maggiore sicurezza, e la aiutava a prendere confidenza con i movimenti fluidi delle braccia, e quindi decise di utilizzarlo spesso durante l'introduzione della sua performance: ormai entrare con un velo in mano è diventato un classico della danza orientale, e non si considera che... qualcuno inventò questa innovazione! Il suo modo di usare il velo dava l'impressione che si trattasse di una estensione del suo corpo, non di un accessorio esterno che venisse buttato qui e là per riempire lo spazio con acrobazie sceniche.

Una piccola curiosità: nel film francese Ali Baba e i 40 ladroni Samia indossò un gioiello per coprire l'ombelico: nessuna danzatrice prima di lei lo aveva fatto. 

 

SAMIA GAMAL

 

SAMIA GAMAL e TAHYA CARIOCAz

SAMIA GAMAL E FARID EL ATRASH  

SAMIA GAMAL E FARID EL ATRASH

SAMIA GAMAL E FARID EL ATRASH

 

Il Mosaico Danza - Via Pomezia 12 / Via Passeroni 6 Milano - C.F. 97205050152. Sede Legale: Via Correggio 22 Milano.

Per info su corsi lezioni e seminari: TEL. 02.5831.7962 - CELL. 339.2130364

Email: info@ilmosaicodanza.it