TU SEI QUI: HOME -> RACCONTI DI VIAGGIO NEL MONDO ARABO -> PETITE MéMOIRES SUR LA COUR D'EGY

Fliassunto del libro diPrisse D'Avennes Petits Mémoires secrets sur Ia cour d'Egyptesuivis d 'une étude sur les AlméesCommento introduttivo di AuriantJacques Bernard ed, La Centaine Parigi 1930, con tiratura limitata a 333 esemplariPrisse D'Avennes era un egittologo molto competente ed un grande viaggiatore edosservatore della civilta orientale, dice Auriant nell'introduzione, ma non fu apprezzatodall‘Egittologia ufiiciale. Osservo da vicino la corte egiziana fra il 1826 ed il 1867, e diceva‘ che in Europa si crede di sapere tutto sull'Egitto, ma ci si sbaglia: il Pasca fa di tutto perevitare che la gente divenga consapevole della propria mancanza di liberta e della povertadel paese, e cerca di dare del suo territorio una immagine rosea, costruendo situazioniartificiali quando qualche visitatore occidentale doveva vedere una fabbrica 0 una scuola.Ancora peggiori nel senso della ialsilicazione della propria immagine furono i governanti chesuccadettero a Mohammed Ali, Abbas, Said e lsmail.Mohammed Ali ha tutti i vizi e tutte le virtu dei politici.ll medico gli proibiva di vedere le donne del suo harem, ma la figlia gli organizzava incontricon le schiave, e gli somministrava degli afrodisiaci che avevano sulle sue facoltaintellettuali elfetti negativi.   iLa pederastia era molto diffusa in Egitto, soprattutto fra i turchi, e pare che Said Pasca iosse Smolto piu interessato ai suoi giovanissimi soldati, con cui trascorreva le notti in gruppo, e cheriempiva di regali preziosi, che ai suoi doveri politici, anche se pare che si diverlisse al sologuardarli, poiché forse era impotente.Non pagava regolarmente le truppe perché riteneva" che se l'avesse fatto, il giorno in cui non avesse avuto i soldi suliicienti per pagare, i suoi Ssoldati si sarebbero ribellati, creandogli problemi.S Da tempi immemorabili le egiziane furono famose in tutto l‘Oriente come cortigianeed intratlenitrici. Moltissimi sono i resoconti di vari viaggiatori che ne parlano, in tutte le  lingue, ma soprattutto un quadro di Gérome una melodia di Félicien David e la famosadanza dell'Ape, eseguita a Parigi durante una esposizione universale hanno loro truttato latama romanzesca.Prisse d'Avennes paragona le Ghawazee alla danzatrice di Ercolano che si muove avvoltada una garza leggera, im modo grazioso e voluttuoso:"ll costume orientale presta altresl un nuovo tascino a questa pantomima amorosa. I Iorocapelli neri ed intrecciati tluttuano sulle loro spalle; un leggero turbante ricamato di paillettesd'oro copere la loro testa; una camicia di seta molto chiara vela appena i loro seni e ricadesopra larghi pantaloni colorati; Una lunga tunica di seta, che parte al di sotto del seno, si  ‘ allarga a apartire dalle anche e, nel movimento, lascia intravedere i pantaloni e la camicia; tuno scialle cinge loro morbidamente la vita, come cintura; un paio di stivaletti o pantofoleeleganti sono le loro calzature.Le palpebre annerite con il .Khol, le mani tinte con l'henné ed adornate con piccoli cimbali ocrotali chiamati Sagat, esse danzano, al suono melodioso ed ardente del tamburo, deimandolini e delle viole a lungo manico, che qualche musicista accovacciato in un angolodella sala mantiene di continuo, e sempre alI'unisono, alcune arie, monotone, dolci ecc.l misteri dell'amore sono l'argomento di tutte le loro danze. Queste eccellenti    i presentano dapprima la prima fase di una passione, il gesto timido ed insinuante, lo sguardo  languoroso, I'aspetto coinvolto, la posa ingenua e maliziosa; poi, quando il tascino sembra  agire, tutto questo pudore se ne va gradualmente: da debole ed incerta, l'attitudine diviene    piu libera, i movimenti piu lascivi, le pose piu licenziose e piu deliranti, il loro canto e 1accompagnato da sospiri e gesti, loro girano e si fermano in una posizione amorosa. La, conil corpo immobile, le ginocchia semi-tlesse, le braocia distese, la testa protesa, soltanto leanche eseguono i movimenti molto passionali e privati. Gli occhi assumono un aspetto°i languoroso e si chiudono. Allora esse si rovesciano come prostrate sotto il peso della volutta,  e si alzano per ricominciare di nuovo i giri e Ia pantomima. Spesso due donne danzanoinsieme; una imita le posture dell'uomo, l'altra la dolce resistenza della donna, e benpresto,l'una e l'altra, dimenticando ogni pudore, si abbandonano al delirio dei Ioro sensi e simulano i imettendo in pratica tutte le posizioni, tutti i movimenti, tutte le convulsioni del piacere. Dolciprepesiti, teneri sespiri, baci ardenti, lavere di lingua, estasi del memente supreme, nullaviene risparmiate. (...) E' una rappresentaziene dell'amere che il pudere nen permette cheall'embra del mistere.(...) Questa danza lasciva, in cui la licenziesita dellimitaziene dellanatura e velata dai vestiti e dagli addebbi, diviene una danza da baccanti quande esselasciane, insieme ai lere abiti tutte il lere pudere. (...)Nen ha maiviste una pantemima tante lasciva, e ti assicure che e impessibile per ungievane ueme ancera nel piene del vigere della passiene nen essere scesse, nen seffrire edessere in grade di resistere a tutte queste. Per lertune, a velte, nel mezze delle lere danze, Iabbandenane egni pudere. La garza leggera che le avvelge lascia intavedere l'ultima dimera  del piacere ed esse censentene di appagare i desideri che hanne latte nascere e di  cendividere le velutta di cul hanne tracciate l‘immagine".  Pare che cemunque queste attrici del sesse siane spesse davvere ceinvelte nell'atteamerese, tante da appertarvi una partecipaziene persenale che per gli eccidentali risulta deltutte scenesciuta.Descrive anche la danza dell'ape, in cui la piu bella fra le danzatrici avanza gridande:"Nahle Yahe", e tremende ceme se fesse stata punta da un'ape. Le cempagne le siavvicinane e la spegliane, alla ricerca delI'animale, mentre lei assume pese via via piuseducenti. Alla fine resta nuda, tra gli applausi e l'eccitaziene generale. ll clima e talmentel ceinvelgente che tutti i presenti vi si abbandenane.L'Egitte benpensante e "mederne" di Mehammed Ali ewiamente nega una tale tradiziene, e lpercie esilia la Ghawazee ad Esna. Queste danze vengene allera eseguite da uemini, i  Khewal, che si accenciane da denna, cen i capelli lunghi , gli ecchi settelineati dal kehl, lepalpebre celerate e mani e piedi tinti cen l'henné, e che, per abituarsi meglie a interpretare illere ruele femminile, si cempertane da denne sempre, e quande escene per la strada lefanne velati. Anche se tutte cle pue apparire disgustese ad un eccidentale, in Egitte la danza l lmaschile in luege di quella femminile era censiderata meralmente piu accettabile, data lapreibiziene islamica per la denna di mestrare il sue cerpe pubblicamente. a aQuande una Ghaziya vuele smettere di danzare, si treva un ueme di sue guste, le seduce, equande e sicura di averle tatte innamerare si reca dal cadi e fa ammenda di tutte le sue    l   U"malefatte", rinunciando alla vita passata. Da quel momento in poi conduce una vitairreprensibile, che rende possiblle dlmenticare il suo passato di gioventlln. ll marito esottomesso alla moglie, e funge da suo domestico, 0, se lei rimane una danzatrice, da suomusicista. Alcuni uomini comunque lavorano come fabbro, sarto 0 cuoco.All'epoca di Mohammed All si assistette ad una progressiva diminuzione delle nascite e adun aumento del numero delle prostitute. La ragione di questo strano tenomeno e da ricercarslnel fatlo che molte donne, mogli di soldati dell‘armata di Siria e dell'Hejaz, non avevano lapossibilita di vedere il proprio marito, e percio il concepimento era impossibile, ed inoltre, acausa della sua lontananza, non avevano denaro, per cui spesso ricorrevano alla· prostituzione per sopravvlvere. Per tentare di porre fine a questo tenomeno, Mohammed Ali  ordlno che tutte le donne pubbliche si presentassero davanti al cadl a pentirsi delle lorocolpe, e stabill che qualunque donna venisse sorpresa in llagrante delitto avrebbe ricevuto100 bastonate e addirittura sarebbe stata gettata nel Nilo se recldiva. L‘u0m0, qualunque  fosse il suo stato sociale, sarebbe stato condannato a 500 bastonate e, in caso di recidiva,alla galera.Per evltare che contlnuassero ad esercltare, Mohammed Ali dichiaro che avrebbe dato unapiccola rendita alle ex prostitute che non lavorassero piu, sino a che non si tossero sposate.Ovviamente il risultato tu che moltlsslme donne si dichiararono ex prostitute, ed il pascia fuperclo costretto ad inviare tutte queste donne ad Esna, per liberare il Cairo dal malcostume.Le Ghawazee che danzano per lastrada, nelle feste pubbliche, cominciano con una cenaritrosia il loro spettacolo, per poi anlmarsi, tacendo risuonare di pit] le loro castagnette dicuoio, e danno agli spettatori l‘immagine edlle danze della Cadice Romana, descritte daMarziale e da Glovenale.Queste danzatrici pubbliche sono vestlte come le donne comuni si vestono in casa loro, ma i‘ tessutl sono piu preziosi ed abbelliti da gioielli d'oro. ll contorno degli occhi e fortemente  sottollneato da un segno nero, e le mani e parti dei piedi sono colorate con l'henné, secondoil costume delle donne egiziane di tutte le condizioni sociali. I musicisti che seguono questedanzatrici sono di sollto membri della loro stessa trib0, e suonano il kenanje (violino) 0 lal l ` l i 2312. l   —rababa e il tar (tamburello, di s0lit0 su0nat0 da una vecchia) 0 la derb0uka e la z0rna (unaspecie di tr0mba), detta anche zemr.Durante le {este, queste danzatrici si p0ss0n0 esibire fin davanti all'ingress0 delle case, e led0nne aman0 avvicinarvisi, 00si c0me gli u0mini, benché sia sconveniente; ccmunque ledanzatrici n0n entreranno mai all'intem0 di una dim0ra lemminile, 0 harem, rispettabile. Al ic0ntrari0, n0h di rad0 entran0 nel l0cali dove viv0n0 gli u0mini, per allietarne qualche festa.ln tal cas0, a v0lte ind0ssan0 s0ltant0 una specie di mutande ed una camicia lunga e larga,c0l0rata, semi-trasparente.La Ghawazee viv0n0 in tende 0 baracche, anche perche, 0ltre a n0n essere m0lt0 ricche,- s0n0 legate al n0madism0, e spess0 si sp0stan0 da una ciotta all'altra. Quelle che s0n0 astanziali si 00mpran0 qualche schiava nera e qualche animale per guadagnarsi da vivere.La l0r0 principale f0nte di guadagn0, c0munque s0n0 le feste p0p0lari.Le Awalim e le Ghawazee s0n0 le d0nne pin] belle d'Egitl0 .

Il Mosaico Danza - Via Pomezia 12 / Via Passeroni 6 Milano - C.F. 97205050152. Sede Legale: Via Correggio 22 Milano.

Per info su corsi lezioni e seminari: TEL. 02.5831.7962 - CELL. 339.2130364

Email: info@ilmosaicodanza.it